2012: un bilancio

Finiscono le feste, chiudiamo definitivamente con il 2012 per immergerci nel 2013.

Rivolgo un ultimo sguardo indietro a quest’anno sorprendente, faticoso, durissimo, ma che pure ha riservato tante soddisfazioni inattese, tanti motivi di riflessione. Quegli stessi teatri che soffrono, come noi, della crisi etica ed economica che ci assedia, hanno saputo offrire momenti esaltanti, e anche nei momenti più bui lo stimolo a indagare, a ragionare , a costruire un futuro.

Se dovessi sintetizzare i momenti di felice teatro musicale che il 2012 mi ha consegnato perché li porti, per un motivo o per l’altro, sempre fra le mie memorie ci saranno dalla Scala Les contes d’HoffmannPeter GrimesLohengrin, dal Comunale di Bologna Le nozze di Figaro, da Pesaro Ciro in BabiloniaMatilde di Shabran e il Recital di Jessica Pratt, dal Regio di Torino  Der Fliegende Holländer da Brescia I Capuleti e i Montecchi ed Ernani. E ricorderei anche, fra gli altri, Norma (I e II cast) a Torino, Temirkanov e Muti a Brescia, Turandot a Genova, L’elisir d’amore a Palermo, il Concerto verdiano a Parma.

C’è anche qualcosa che è andata male. Anche questa però non è stata un’esperienza inutile. Se ci insegna qualcosa nessuna esperienza risulta inutile, e si auspica che i responsabili non perseverino diabolicamente. E allora non dimentichiamo nemmeno l’Aida a Parma, L’italiana in Algeri (che pure aveva ottimo cast!) a Bologna, Il signor Bruschino a Pesaro, il dittico Cavalleria/Pagliacci a Bologna e Lucia di Lammermoor a Brescia.

Il 2012 mi ha portato l’amore, la gioia di riscoprire il mondo guardandolo in due, mostrandolo e facendoselo mostrare. Mi ha portato l’opportunità di portare in scena Madama Butterfly in una mia rielaborazione, con una mia regia, un cast di amici bravissimi in onore di un mio grande concittadino, Giacinto Prandelli. Mi ha portato la soddisfazione di conoscere ancora una volta un gruppo di talentuosissimi giovani con il Concorso Città di Bologna, nel quale sono felice di aver contribuito a premiare Teresa Iervolino, sulla quale scommetto per un grande futuro.

Ora non resta che costruire il 2013 nel miglior modo possibile.

[per gli approfondimenti su ogni spettacolo cliccare sui titoli]

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...