Don Giovanni a Torino

Trilogia_Romana_Respighi_d0Un grandissimo Don Giovanni
servizio di Roberta Pedrotti

TORINO – Anno 2013, ovvero Verdi e Wagner, Wagner e Verdi. Ogni tanto qualcuno si ricorda di Britten o dei bicentenari diTancredi e dell’Italiana in Algeri, qualcuno, ma è più raro, di Mascagni o Corelli. Una piacevole variazione dai temi dominanti di quest’anno di celebrazioni viene dal Regio di Torino, che, dopo Andrea Chénier e La bohème, ci offre Don Giovanni. Un grandissimo Don Giovanni, per la precisione, che nonostante la locandina già intrigante alla lettura riesce a sorprendere e superare le aspettative, grazie soprattutto alla presenza magnetica e trascinante di direttore e protagonista. Senza dubbio, infatti, l’apparizione di Christopher Hogwood in Italia per un’opera, per quanto non sia un inedito o una rarità assoluta, è un evento. Tuttavia era legittimo chiedersi quale sarebbe stato l’effetto teatrale della sua direzione, soprattutto nell’incontro con un’orchestra moderna e con cantanti tutti stilisticamente ben avvezzi a frequentare il ‘700 e questo titolo in particolare, ma d’estrazione comunque più ottocentesca che barocca. Fin dall’ouverture ogni possibile interrogativo è fugato in favore di uno stupore sempre più entusiasta.
Un Don Giovanni filologico, per dire a tutti quelli che ancora, come un disco rotto, ripetono il contrario che la filologia è materia vitale, artistica, non è un dogma che prosciuga la libertà dell’interprete. Già la scelta della versione è indicativa perché Hogwood non si ostina a proporre fedelmente la versione di Vienna piuttosto che quella di Praga: esegue l’edizione mista con la quale l’opera ha conosciuto il successo universale che le spetta. Legittima quanto le altre due, perché nel teatro dei tempi di Mozart non ci si formalizzava certo per un’aria in più o in meno. Quel che conta è come questa forma dell’opera, che presenta al centro di ogni atto lo scoglio drammaturgico non indifferente una serie continua di arie solistiche, viene fatta vivere. LEGGI IL SEGUITO A QUESTO LINK

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...